TOP 5 ricordi più belli del Natale per Greta e Clara

I ricordi di Greta:

  • Per me il Natale è sempre stato il periodo più bello dell’anno, ed è ancora così. Adoro ogni più piccola cosa, legata al Natale, dai profumi, al presepe, all’albero, alle canzoni, ai regali, al calore che si respira nell’atmosfera. È una sensazione di pace e di gioia profonda che mi porto dietro fin da bambina e che mi assale ogni anno, a dicembre, mescolata alla nostalgia per chi non c’è più ma anche piena di amore per tutto quello che ho ricevuto da quegli angeli che, sono sicura, ci guardano e ci proteggono dall’alto. Ecco, per me, a Natale, è come se gli angeli fossero più vicini alla terra, e mi sembra di poter sentire il loro respiro consolatore. Come potrei, quindi, non essere felice, a Natale?!

Ma vediamo i ricordi più nel dettaglio.

Il presepe dell’Ingegnere del 2019
  • La Vigilia strepitosa che preparava mamma, a casa nostra, per tutti. Nonostante finisse con la recita il giorno prima, – quelle recite bellissime e faticose che sapeva creare come una magia (altro ricordo natalizio indimenticabile) – non era mai troppo stanca: si alzava, come sempre, alle cinque, e tirava a lucido tutta la casa. Poi insieme finiamo l’albero – il presepe, quando poteva, lo faceva il papà, e più era grande meglio era… – facevamo le spese, riempivano enormi cesti di frutta secca e torroncini, e cominciavamo a preparare le leccornie per la cena: tartine al salmone, datteri ripieni al mascarpone, gamberetti, tagliolini e tante altre cose buone. Verso le nove di sera arrivano i parenti pieni di cibo, pacchetti e allegria, e come d’incanto la stanchezza se ne andava, mamma e papà erano bellissimi e, anche se per loro era la giornata più lunga e faticosa dell’anno (spesso il papà non riusciva a chiudere il negozio prima delle nove), erano felici e pronti ad aspettare la mezzanotte con noi, eleganti e gioiosi come e più di tutti. Oggi, io e mia sorella, cerchiamo di tenere viva la stessa tradizione, per le bimbe e anche per tutti noi…
Albero di Natale di Greta fatto insieme a Clara
  • I regali dispensati dallo zio Gaetano, dopo la mezzanotte, raccolti a caso da una grande catasta sotto l’albero, a casa nostra, e distribuiti, uno per uno, accompagnati dal suo solito, proverbiale umorismo. Spesso erano piccoli doni, anche solo una marmellata fatta in casa, dei biscotti, una sciarpa, ma che gioia riceverli e ancora di più farli! E quante risate grazie alle trovate dello zio! Era un momento buffo e tenero insieme, come lo sono spesso le cose migliori nella vita!
Dettaglio del presepe dell’aingengere del 2019
  • Svegliarci la mattina e trovare i regali di Babbo Natale preparati con cura dalla mamma e il papà alle tre di notte, quando dormivamo da un pezzo. Ecco, era la cura, a renderli speciali, l’amore con cui venivano sistemati già scartati, in composizioni creative e natalizie. E la gioia grande dipinta sul viso dei nostri genitori e della nonna. Per loro, avrei voluto far finta di credere a Babbo Natale per sempre. Per non perdermi mai quella meraviglia di vederli tornare bambini felici. I regali erano il meno. Ad essere grande e sacro era il miracolo che si compiva ogni mattina di Natale. C’era perfino un profumo speciale, nell’aria, che non mancavo mai di sentire. E che sento ancora.
Presepe dell’Ingegnere fatto di cortecce degli alberi abbattuti durante la tempesta del 2018 e raccolte in Val Canali
  • I film “storici”, visti tutti insieme, pigiati tra il divano e le sedie, nel televisore a colori degli zii (il nostro è stato per molto tempo in bianco e nero e mezzo rotto. Prendeva più o meno solo la Rai). La vita è meravigliosa, Il piccolo Lord, Scrooge, Piccole donne, ma anche i classici di Hollywood che riproponevano sempre sotto Natale: Tutti insieme appassionatamente, My Fair Lady, Cantando sotto la pioggia e molti altri. Ancora oggi, quei film mi fanno tremare di emozione, di piacere puro e di ricordi dolci e belli…

I ricordi di Clara:

  • Da bambina, di solito, prima e durante le feste natalizie mi ammalavo; la maggior parte delle volte era otite, quindi ero piuttosto sofferente. La cosa che ricordo con più affetto sono i pacchettini che spuntavano durante il giorno della Vigilia di Natale, quindi non convenzionali, visto che di regola li aprivo sempre la mattina di Natale appena sveglia. Non importava cosa contenessero, a me davano tanta gioia e mi risollevavano il morale. Grazie Babbo Natale!
Clara e l’albero di Natale, una passione nata fin da piccolina
  • Le cene e i pranzi in famiglia, ordinaria e non. Ho avuto la fortuna di avere tre famiglie durante la mia infanzia: i parenti di mamma, quelli di papà, e gli amici dei miei genitori, nonché miei padrino e madrina, con le loro figlie, che per me sono come sorelle maggiori. Ho sempre adorato passare le feste con le persone che amo, e anche abbuffarmi di leccornie!
Clara durante una delle famose e bellissime cene di Natale, con le “sorelle maggiori” sempre vicine
  • Dare i regali di Natale. Questo è un ricordo più fresco, legato agli ultimi anni, da quando, cioè, ho iniziato ad occuparmi io dei regali da fare ad amici e parenti. Adoro pensare a cosa potrebbe piacere loro, inizio già a settembre a stilare la mia lista da brava Babba Natale! Mi dà una grande felicità, quasi più che riceverli (quasi).
Albero di Natale di Clara, dei primi anni ‘80
  • – I film di Natale, quelli che, anche se li conosci a memoria, non ce la fai a non guardare per l’ennesima volta! A partire da piccole donne, passando per Mamma ho perso l’aereo, La vita è meravigliosa, il Grinch e chi più ne ha, più ne metta! Ricordo molte piacevolissime vigilie di Natale in compagnia di Greta e uno o più di questi film.
Disegno fatto da Clara nel 1982
  • Le canzoni di Natale, soprattutto quando impacchetto i regali. Riempiono la casa di uno strano calore impalpabile, che fa bene al cuore, almeno per me è così. Quella che mi commuove sempre è Have yourself a merry little Christmas, nella versione di Frank Sinatra, ma anche in quella più moderna di Sam Smith. Ma è solo una delle tante canzoni a cui sono molto affezionata.
Clara mentre osserva il suo albero di Natale

Ora, se vi va, fateci partecipi dei vostri ricordi più belli legati al Natale, ci farebbe davvero molto piacere.

Vi facciamo i nostri migliori auguri per un sereno Natale! Con tanto affetto, Greta e Clara

2 pensieri riguardo “TOP 5 ricordi più belli del Natale per Greta e Clara

Rispondi a sorelletarocche Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: