I magnifici 7 dell’estate 2022 per Greta e Clara

Quest’estate non è stata facile: la salute ci ha fatto tribolare con tutta una serie di influenze, schiene bloccate, infezioni, virus. Non sono restate immuni neanche le vacanze al mare e in montagna, che le Sorelle Tarocche ne hanno sperimentate di tutti i colori, quest’anno, perfino l’ospedale della montagna, dopo tanti anni di frequentazione di quei luoghi paradisiaci dell’Alto Adige, ancora “inviolato”. Ringrazio che comunque ci sia un valido Pronto Soccorso a San Candido, dove la persona è ancora un essere umano e non un numero (a parlare è Greta). E questo è un valore aggiunto grandissimo!

Come anche il tempo di riposo passato a scrivere con grande ispirazione e le perle scoperte per lo più per caso che ci hanno tenuto compagnia durante tutta la stagione!

Sì comincia con l’elenco, dunque. Fate attenzione perché alcune sono davvero delle dritte interessanti:

I magnifici 7 di Greta:

Il professor Chandra e il segreto della felicità, un romanzo di Rajeev Balasubrabanyam, preso per caso in biblioteca, che si è rivelato un capolavoro di scrittura e trama famigliare. Il protagonista settantenne separato, professore di economia di fama mondiale in continuo odore di Nobel, ha una risposta per tutto tranne che per i problemi esistenziali dei tre figli. È un personaggio dolcissimo e molto interessante nella sua intelligentissima fragilità. Sono sicura che ve ne innamorerete anche voi!

Vertigo – La donna che visse due volte, uno dei più celebri e intensi film del maestro del thriller Alfred Hitchcock, con James Stewart e Kim Novak. Visto e rivisto. È sempre stupendo!!!

Chiamata dall’inferno, uno degli ultimi libri di Elisa Averna, una talentuosa autrice esordiente che si dedica al nuovo genere dei thriller Breathless. È davvero un giallo psicologico che lascia senza fiato!

L’abito da sposa, un avvincente romanzo quasi – storico di Danielle Steel che, attraverso il racconto della vita di quattro generazioni di donne fortissime, per quanto diverse tra loro, narra la storia dell’America, e nello specifico di San Francisco. Si passa dall’opulenza degli anni Venti, con le sue meravigliose tradizioni, ville faraoniche e vestiti splendidi fatti arrivare a posta dalla Francia – come il famoso “vestito da sposa” del titolo, scelto appositamente da Eleonor, la protagonista, con la madre, in una maison di Parigi, – al crollo della borsa con la grande depressione del 1929, fino al racconto della Seconda Guerra Mondiale, per poi soffermarsi sulla difficile ripresa post-bellica, quando anche le gran signore si dovettero rimboccare le maniche, rinunciare agli sfarzi e affrontare anche i lavori più umili, e l’America si rimise in piedi, pur imparando a rinunciare agli sprechi di inizio secolo. La storia prosegue con le stravaganze degli anni Sessanta e Settanta, con le rock band e i nuovi bulletti affascinanti, l’età di James Dean ma anche della funesta diffusione di droghe ed eccessi, fino a raccontare dei nuovi ricchi, frutto dell’avvento della scienza e della tecnica informatica. È un libro che davvero merita, e mi dispiace che la Steel venga solo catalogata come “scrittrice romantica o da donne”, perché romanzi come questi penso possano essere interessanti e utili anche per gli uomini!

Questione di tempo, film romantico ma molto originale, coi meravigliosi Rachel McAdams e Domhnall Gleeson. Soggetto, sceneggiatura e regia di Richard Curtis sono sempre una garanzia: pellicola deliziosa! E di seguito metterei proprio, come altro “magnifico”:

Il mondo, la canzone senza tempo di Jimmy Fontana, scelta per fare da sfondo al matrimonio sotto la pioggia scrosciante di Tim e Mary, i due protagonisti del film Questione di tempo, ancora capace di farmi esplodere il cuore dopo tanti anni col suo ritornello potente!

Parker Pine indaga, una raccolta di racconti insoliti di Agatha Christie, riscoperta e riassaporata durante l’estate. Se vi va di leggere tutto l’articolo dedicato, vi lascio qui di seguito il Link diretto: Parker Pine indaga.

I magnifici 7 di Clara:

Uno dei film che mi è piaciuto di più in questi ultimi mesi, assieme a Questione di tempo, citato da Greta, è senza dubbio Conta su di me; una storia vera toccante ma a lieto fine. Se volete saperne di più vi lascio il link all’articolo che ho pubblicato qualche settimana fa: Conta su di me.

Come non citare La dolce vita, canzone super estiva, allegra e dal sound amarcord cantata da Fedez, Tananai e Mara Maffei. Mi piace moltissimo e capisco perché sia ai primi posti nelle classifiche da diversi mesi.

Sex and the city – la serie. Tra giugno e luglio ho rivisto tutte le sei stagioni di seguito. Mi sono riappassionata tantissimo alle quattro protagoniste, Carrie, Charlotte, Miranda e Samantha, e alle loro vicissitudini amorose e non. È un po’ come per Friends, ogni tot anni devo riguardarmi questa serie, è più forte di me! Se vi siete persi l’articolo che ho dedicato alla serie, vi lascio qui di seguito il link: Sex and the city – la serie.

Non posso non mettere tra i preferiti del periodo il programma TV Bruno Barbieri – 4 Hotel. Lo so che non rientra tra i soliti canoni, ma questa sorta di talent show per albergatori, spin-off dell’altrettanto seguitissimo Alessandro Borghese – 4 ristoranti, mi ha tenuto tanta compagnia durante le lunghe giornate di convivenza con il covid, per fortuna preso in forma abbastanza leggera. Lo trovo divertente, interessante, e poi lo chef Barbieri è il top!

Il secondo film che voglio inserire tra i magnifici è Divergent, visto recentemente in TV. Un film d’azione un po’ alla Hunger Games, di cui vi ho parlato approfonditamente nell’articolo che vi lascio linkato qui di seguito: Divergent – impressioni a caldo.

Recentemente ho riscoperto alcuni brani di Marvin Gaye, cantante americano diventato celebre negli anni ‘60-‘70. Adoro il suo timbro morbido e graffiante allo stesso tempo. Una delle mie canzoni preferite è I heard trough the grapevine, ma anche Aim’t no moumtain high enough e You’re all i need to get by.

Ultima ma non per importante, la serie Skam Italia, vista su Netflix con molto piacere, nonostante teoricamente sia rivolta ad un pubblico di giovanissimi. Gli argomenti trattati sono interessanti, al passo coi tempi e per nulla scontati. Parla di un gruppo di amici del liceo, alle prese con piccoli e grandi problemi esistenziali. Ma di questa serie vorrei parlarvi più dettagliatamente in un articolo, quindi stay tuned!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: